13 agosto 2009

Berlusconi come metafora dell’Italia (ovvero: siamo ciò che votiamo?)

della mia CLS di 12km e della spavalderia nell'affrontarla vi racconterò magari la prox volta, oggi vi giro questa riflessione: mi colpisce sempre la percezione (se non più corretta cmq alternativa) che 'gli altri' hanno di noi, tradizionalmente sedati dall'effimero.... ma davvero siamo così pecore d'aver bisogno di cotanto pastore? a proposito: dilaga la febbre del superenalotto, arrivano persino dall'estero!


[ tratto da www.internazionale.it ] Cantante da crociera, sbruffone, produttore lascivo, una barzelletta nazionale. Sono solo alcune delle definizioni che Michael Wolff ha usato per descrivere Silvio Berlusconi in un articolo apparso nell’edizione statunitense di Vanity Fair. Il mensile - che vende più di un milione di copie - proprio non si spiega il segreto del successo del premier italiano, “impantanato in scandali sessuali, in fase di divorzio, tallonato dagli investigatori”. Eppure sempre più popolare. Wolff ripercorre la carriera del Cavaliere dagli spettacolini sulle navi al G8 dell’Aquila, passando per il successo delle tv commerciali. E si convince che “gli italiani non cercano di fuggire gli stereotipi che li riguardano, anzi li perseguono. Berlusconi è la loro metafora”. Sembra insomma condividere le parole di un giornalista che lavora per Berlusconi: “Gli italiani vogliono uno come lui perché è proprio come loro. Tutti hanno un’amante. Tutti evadono le tasse. Tutti fannno qualcosa d’illegale. E poi, amiamo gli uomini autoritari. Abbiamo bisogno dell’uomo forte. Se non Mussolini, qualcuno come lui".

24 commenti:

Stefano ha detto...

Caro mio! La moda che sento io è che chi stravede per berlusconi ma in questo momento si sente imbarazzato a dichiararsi, di solito mi dice " Tanto gli italiani ignoranti lo approvano lo stesso". Così mettono in bocca ad altri quello che pensano loro.
Insomma non c'è via d'uscita. Non si sa se è meglio parlarne o no.

Mathias ha detto...

Quella foto..mi ricorda il granito di un tratto di sardegna. Direi Capo Testa, santa teresa di Gallura. Ma sicuramente sbaglio..
su Berlusconi..se fossi all'estero ci riderei di gusto. Da qui un pò meno..
ps: son l'unico che non gioca al superenalotto (ma non è che è pilotato pure quello..quanto incassa lo Stato ogni tornata?..son una paccata di soldi.. http://noipensiamo.altervista.org/blog/2009/08/07/superenalotto-una-truffa-di-stato/ )

er Moro ha detto...

Caro Yogi, qnt è puntuale il tuo articolo, e qnt è vero.. Rifletterci fa tristezza e venir voglia di emigrare ma poi..

the yogi ha detto...

-stefano, come disse quel tale 'sarò sempre d'accordo con la minoranza'.... non silenziosa, aggiungo io!
-math, non sbagli! è un ricordo dell'unica visita alla tua bellissima terra (molti anni fa), ma non chiedermi dove.... ;) già, se non ci fosse da pingere verrebbe da ridere anche a noi.... :/ è 'na sola di sicuro! speriamo che almeno risanino una parte del bilancio....
-moro, ti capisco, la voglia è tanta.... ma poi l'avrebbero vinta loro! questo volevi dire.... :)

Marco Bucci ha detto...

Berluscaz pedofilo e superenalotto ingannatore dello stato biscazziere di bischeri... ?!?!? NO GRAZIE..!!!!!!!!!

"...scusate non mi unisco a quella schiera : morro' pecora nera..." (Guccini)

Anonimo ha detto...

berlusconi ha successo perchè usa la psicoanalisi: lui non è come gli italiani sono ma come vorrebbero essere! lui è come un "sogno": è la realizzazione fantasmatica dei desideri repressi della gente. se tutti gli italiani avessero l'amante non avrebbe tutto sto successo.
e poi: se tutti gli italiani hanno l'amante, siccome il numero di donne è uguale a quello degli uomini, siete tutti cornuti.
comunque, se vi interessa, i brasiliani (repubblica delle banane?) ci considerano politicamente una massa di coglioni.
luciano psicocaliffo.

Fatdaddy ha detto...

Credo che in parte l'analisi del Califfo sia condivisibile: basta guardarsi attorno per vedere quanti sono i "furbi" del quartiere, quanti scelgono corsie preferenziali perchè se ne fregano degli altri.
Il Berlusca è solo un "furbo" che è stato ancora più "furbo" dei "furbi" che probabilmente vedono in lui (forse inconsciamente) un riferimento.
Se poi pensi che certi giovani hanno come modello di vita il "fotografo" Corona, ti vien voglia davvero di emigrare in Amazzonia.

P.S. Premio 2009 per il commento con maggior uso ed abuso di virgolette.

Lucky73 ha detto...

Che scoperta....
La convinzione di Wolff è la verità....
Parliamo della "pancia" del paese....è vero è come lui e si specchia in lui ....

Ma come non l'avevano ancora capito?

Per il resto Wolff è solo geloso :-))

Sarah Burgarella ha detto...

Mi dà la nausea... E mi fa tra rabbia e tristezza la considerazione che ha della donna: qualcosa che si compra, perchè altrimenti non ne potrebbe avere. E il mestiere più antico del mondo fa affari. Il resto del mondo pensa di noi quello che dice er Califfo, e ha ragione. Qui trovo trentenni e quarantenni umanamente falliti che invece lo considerano "un mito, perchè siccome ha i soldi va con le gnocche diciottenni". Che tristezza, che schifo.

Master Runners ha detto...

Io sinceramente sono politicamente depresso, sia per chi governa oggi e sia per la prospettiva futura che abbiamo (il nulla).
La verità è che oggi la politica italiana è formata da imprenditori o pseudo imprenditori che si sono dati alla politica anche se avevano la terza media come titolo di studio. E' difficile trovare un vero leader politico oggi, speriamo nel futuro....

Per quanto riguarda quello che pensano di noi all'estero in generale, non me ne frega un emerita mazza, pensassero ai cazzi loro che di porcate evasioni e di coglioni al governo ce ne sono tanti anche da loro

MFM ha detto...

Sai come la penso: Berlusconi incarna perfettamente l'italiano medio che sogna di poter essere come lui.
Purtroppo è il mito del nostro popolo che non perde occasione di tributargli ovazioni e consenso.
Siamo una minoranza caro Marco, siamo proprio pochi noi che la pensiamo diversamente. ;-)

the yogi ha detto...

gente, che bellissimo dibattito.... a dimostrazione che il papi NON ci rappresenta tutti!
personalmente ritengo troppo variegato il substrato che alimenta sto teatrino per trovarne i tanti motivi (su tutti, il fare leva sulle nostre paure, alimentate ad arte), ma non posso fare a meno di rilevare (ancora una volta) che 'certi fenomeni' accadono quando il nostro becero lassismo delega ad altri le responsabilità che 'devono' restare di nostra esclusiva competenza!

Mathias ha detto...

@yogi: quindi mi confermi che è sardegna..ho la quasi certezza che sia il posto che ti dico io. Ho avuto la casa delle vacanze per dieci anni a santa teresa di gallura(1986-1996) e su quelle rocce ci son cresciuto. Ho delle foto(devo rovistare) nello stesso punto :-P

the yogi ha detto...

math, la casa dell'amico che ci ospitava era a s.teodoro, ma facilmente la foto riguarda una delle frequenti escursioni.... dovrò tornarci, magari per una qualche gara ;D

Michele ha detto...

La risposta alla domanda del titolo è : si, siamo così purtroppo

Anonimo ha detto...

sarah,
e bisognava fare le migliaia di miliardi per andare con "gnocche diciottenni"? poteva andare a fare un giro in tahilandia e con pochi euro la pratica era archiviata senza romperci le balle.
ricordo che quando avevo 12 anni tutti i miei amici sognavano di farsi il ferrari così potevano portare a spasso le gnocche: chi inculcava loro quest'idea? evidentemente qualcosa di vero ci doveva essere: molte donne hanno la tendenza (anche inconscia) a "facilitare le cose" se l'uomo è ricchino... a 17 anni con me non ci usciva NESSUNA perchè non avevo il motorino, eppure altre qualità le avevo. a me fa più schifo chi si fa comprare di chi compra.

@master,
qua in brasile il presidente del senato è sotto inquisizione perchè ha rimediato un posto da impiegato al fidanzato della nipote... grande crimineeeeee!!!!!
luciano er califfo.

Marco Bucci ha detto...

Capirai... e qui chi ce rimaneva..?!?!
Forse giusto i Radicali..!!!

Comunque anche nel ragionamento : "se lui e' stato fico a fare tutti qui soldi, sicuramente se lo voto un pochino ne fara' fare qualcosina pure a me..." e' completamente errato...!!
Coglioni...!! quello i soldi li fa togliendoli a tutti..!!!
Televisioni libere ?!?! Finanziate solo con la pubblicita' ?!
Guardatela differenza di prezzo fra la barilla e la Montebovi (lo stesso buona e senza pubblicita') e poi capite dove sta' l'inghippo...

pasquale ha detto...

sono d'accordissimo con Luciano. lui è quello che gli italiani vorrebbero essere: puttaniere, millardario, evasore, furbo che non si fa prendere, ecco come si spiega la percentuale di votanti che ha,...e non venite a dirmi che la colpa è di una sinistra inesistente, il vuoto a sinistra non giustifica la carogna a destra.

poi, non ho mai capito perchè nessuno disapprova quando dice che un paese va governato come se fosse una azienda... stiamo scherzando!!!!

a volte è imbarazzante vivere in un paese anestetizzato.

Pasquale

the yogi ha detto...

lucià, in brasile hanno dimostrato più maturità riscegliendo lula, nonostante tutto......

Anonimo ha detto...

yogi, il sudamerica è molto meno "banana republic" di quanto vogliano farci credere. la gente non sa cos'è l'"ideologia" e in tv non è un continuo di dibattiti politici, che sono puro intrattenimento peggio delle telenovelas. la gente guarda alla pagnotta, ma quella pesante: a 2 mie cognate lula ha REGALATO LA CASA (di proprietà) e sicuramente lo voteranno fino alla morte... e ha trovato pure i soldi non solo per azzerare i debiti col fmi ma ne è diventato creditore! e che è, un genio?
il brasile è pieno di problemi ma i brasiliani non riescono a credere come un paese "del primo mondo" possa autosacrificarsi sull'altare di rapaci propinatori di narcotici televisivo-calcistici.
p.s.: sai quant'è il patrimonio (non il reddito) totale di lula? 300.000 euro.
luciano er califfo.

Anonimo ha detto...

lucia' io nonho mai sentito critiche sull' italia da parte di giornalisti opolitici brasiliani.
Forse tu si, ma io vedo sempre che rompono le palle a noi americani francesi inglesi e tedeschi, che hanno ben poco da criticare loro a noi.
Comunque credo che ognuno ha i suoi problemi, anche se all'apparenza sembra tutto rose e fiori, e come la penso io "ognuno pensasse ai cazzi de casa propria"
Posso sembrare un po troppo pesante, ma la penso cosi.
Cioa belli passate un buon ferragosto!
Master Runners

the yogi ha detto...

master, le frontiere diventano sempre più virtuali: non si può essere 'globalizzati' solo quando ci conviene! anzi, chiavi di lettura 'alternative' non possono che scuoterci.... se parlano di noi è perché, nostro malgrado, in molti campi siamo stati persino un esempio.....

Anonimo ha detto...

master,
beh, in italia mica vi vedete il tg brasiliano e mica vi leggete il giornale brasiliano.
capisco quello che dici e hai la tua parte di ragione. però è utopico pretendere nel mondo di oggi che tutti si facciano i "cazzi loro". ad esempio l'italia non si fa i "cazzi suoi" col brasile, i mass media ne parlano e spesso malissimo. chi di spada ferisce...
er califfo.

Furio ha detto...

Gli italiani sono ciò che votano?
Certamente si!
La mia opinione è che non siamo un bel popolo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

articoli recenti